Blog

L’affilatura del tronchesino

L’affilatura del tronchesino deve essere perfetta, infatti il tronchesino o tronchese, per assolvere al suo compito, deve essere in perfette condizioni meccaniche per garantire untaglio netto! Sia che venga usato sulle cuticole che sulle unghie piu’ difficili. La perfezione del tronchesino è minata  da cadute accidentali, unghie durissime, pellicine indurite ecc. Le problematiche più ricorrenti sono: le punte piegate a causa di una caduta, le lame non appaiate dovute al taglio di unghie o cuticole molto indurite, la perdita del taglio dovuta alla normale usura e altre ancora. Non rinunciate ai Vostri preziosi strumenti di lavoro a causa di questi problemi anche perché un tronchesino di qualità è un investimento, chi vi accompagnerà fedelmente negli anni, se correttamente manutenuto. Coltelleria Ramagni è specializzata da molti anni nell’affilatura di ferri professionali. Con Affilaturaonline offriamo il servizio di affilatura di trochesi e tronchesini, compresa la sostituzione della molla/molle e riaffilatura di sgorbie bisturi, forbicine e anche pinzette professionali, che siamo in grado di ripristinare a nuovo. Tutto questo semplicemente inviando la Vostra richiesta al nostro sito affilaturaonline.it e noi ci occuperemo di ritirare i Vostri attrezzi,  affilarli o ripararli e riconsegnarveli  nel più breve tempo possibile, ma soprattutto senza distogliervi dalle Vostre...

Leggi Tutto

Affilatura del coltello con le pietre SIG

Normalmente il coltello nuovo ha un’affilatura standard abbastanza robusta che si adatta a quasi tutte le esigenze per cui è stato pensato. Riaffilare questo tipo di taglio è molto faticoso in quanto bisogna asportare qualche decimo di millimetro sul filo e slanciare il “bisello” per renderlo tagliente e penetrante durante il taglio. Per effettuare questa operazione in maniera efficace è necessario l’acquisto di un set di almeno tre pietre per un costo di circa 150-200 Euro. L’affilatura per mezzo delle pietre è un procedimento molto lungo (eterno). L’angolo di affilatura non è uguale per i vari tipi di lama; pensate alla lama di un coltello per sfilettare, sottile e flessibile, la lama di un bouclé (coltello da disosso), robusta e rigida, la lama di un trinciante, spessa e rigida: ognuna di queste lame ha il suo angolo di affilatura che bisogna rispettare rigorosamente già dalla prima passata (…e non tutti sono dotati della manualità/esperienza necessaria). Bisogna anche mettere in conto qualche “sbeccata” sul filo, inevitabile quando si lavora intensamente con il coltello (in questo caso ci vuole un “servo muto” e 1000-2000 passate sulla fatidica pietra). Attenzione: bisogna anche dare alle varie lame un giusto “bisello” affinché ci sia sì un buon taglio, ma anche che la lama faccia poco sforzo nell’entrata durante il taglio. Questo aspetto molto importante è assai difficile da ottenere con le pietre, in quanto comporta una asportazione di materiale della lama abbastanza significativa. OK, ma siamo solo alla sgrossatura del taglio; la finitura, fatta con le altre pietre, è più agevole ma non ammette errori in quanto l’angolo di affilatura è già stato determinato. Alla fine dell’intervento avrete un coltello tagliente? A volte sì, ma anche no! Perché? Non avete sgrossato perfettamente tutto il filo della lama, avete sbagliato più volte l’angolo di affilatura (si potrebbe obiettare dicendo che esistono delle barrette o altri strumenti per mantenere l’esatto angolo, ma questi allungano ancor di più i tempi e, specialmente sulla punta della lama, non sono esatti. Avrete insistito troppo nelle passate di finitura. Ma facciamo l’ipotesi che il coltello tagli, ma… quanto durerà il taglio? Quante volte, dopo aver affilato una lama, essa ha tagliato benissimo i primi 15 minuti e poi… nebbia??? Tutto...

Leggi Tutto